Guinness World Record Holder in Lucca

Con gratitudine alla Tenuta del Buonamico

Aggiungi un posto a tavola 2014

Il tratto di Mura interessato, per questo 2014 è stato quello compreso tra Piazzale Vittorio Emanuele e il Baluardo San Martino, in direzione ovest.

I commensali si sono seduti dal lato interno delle Mura e volgeranno le spalle alla città, questo l’unico modo di garantire tempi tecnici accettabili per sedersi e dare il via all’evento entro un’ora dall’apertura degli ingressi.

I cinque ingressi:

• INGRESSO PIAZZALE VITTORIO EMANUELE

• INGRESSO CORSO GARIBALDI

• INGRESSO PIAZZALE VERDI

• INGRESSO REAL COLLEGIO

• INGRESSO PORTA SANTA MARIA

Il tavolo è stato assemblato direttamente sulle Mura, 909 tavoli, seguendo il piano altimetrico effettuato dai nostri tecnici, perché fosse perfettamente continuativo, senza interruzioni e dislivelli.

Sono stati allestiti e posizionati 46 tavoli di servizio per i sommelier.

L’apparecchiatura, curata da Federico Salza Catering che ha orchestrato tutto il servizio, è stata effettuata su tovaglie in lino misto cotone fino a terra e il cibo è stato servito con plateaux repas, seguendo le norme vigenti in materia. I piatti erano di palma e le posate di legno di betulla. Le sedie posizionate 2000 kartell.

La COMPAGNIA BALESTRIERI LUCCA, l’ASSOCIAZIONE CONTRADE S.PAOLINO e gli SBANDIERATORI E MUSICI CITTA’ DI LUCCA CONTRADA S.ANNA IN PIAGGIA hanno creato momenti di ricostruzione storica a cominciare da un corteo che ha interessato diametralmente tutto il centro storico, con spettacolo in Piazza del Giglio e in Piazzale Vittorio Emanuele, per poi posizionarsi ai vari ingressi.

Il backdrop per i media è stato realizzato in vetro artistico dalla Fregius Project.

Annullo Filatelico poste Italiane

Per l’occasione è stato richiesto l’annullo filatelico a Poste italiane che riporta il logo di “Aggiungi un posto a tavola e il tentativo di record da battere.

(annullo edizione 2014)

Cartoline Annullo Filatelico realizzate per la presentazione della Casa di Vetro, progetto architettonico dell’ing. Paolo Del Debbio, quale spazio espositivo dedicato alla cultura internazionale a Lucca.

I prodotti di “Aggiungi un posto a tavola”

Il vino Montecarlo Rosso e Bianco Tenuta del Buonamico

Il pane dei 500Anni di Pandemonio Il caffè Torrefazione Giurlani

Tovagliette mono uso posto tavola Eurovast

L’Olio dell’Oleificio Rocchi L’Acqua Columbus – Metro

La maglietta dello staff operativo La mug ricordo in edizione limitata

Timing completo dell’evento del giorno 27 giugno 2014:

Dalle 06.30 alle 13.00:

Consegna set raccolta differenziata da parte di Sistema Ambiente ai dieci punti operativi

 Allestimento dei dieci gazebi operativi

 Allestimento tavolo 2.000 mt – tavoli sommelier 46 – sedie 2.000

 Allestimento PMA in Piazzale Verdi –Itinera da parte CRI e Arciconfraternita Misericordia Lucca

 Allestimento Punto Accredito Operativo Piazzale Verdi –Itinera

 Allestimento ingressi (totem – transenne – cartelli ecc.)

 Allestimento cordone rosso per mettere in sicurezza il lato interno delle Mura

 Allestimento Piazzale Vittorio Emanuele (Caffè delle Mura):

Backdrop in cristallo

Totem in cristallo sponsor

Desk Infopoint

Desk Annullo Filatelico Poste Italiane

Area sponsor Lucar TM

Allestimento impianto audio

Prima misurazione ufficiale del Guinness World Records che doveva essere effettuata, come da regolamento, senza tovaglie per il controllo dei tavoli.

Subito dopo il rilevamento del Guinness World Records, apparecchiatura della tavola

Dalle ore 14.00:

 Chiusura tratto Mura interessato per l’evento

 Inizio sorveglianza salitine pedonali da parte di CRI e Arciconfraternita Misericordia Lucca

 Apertura a Piazzale Vittorio Emanuele di

Desk Infopoint

Desk Annullo Filatelico Poste Italiane

Dalle ore 18.00:

Cortei nel centro storico delle Compagnie storiche e spettacolo in Piazza del Giglio e Piazzale Vittorio Emanuele

 Posizionamento delle Compagnie storiche ai 5 ingressi

 Posizionamento hostess ai 5 ingressi

 Posizionamento hostess accoglienza lungo il “tavolo”

 Posizionamento speaker e quadra operativa audio

 Posizionamento sommelier

Servizio navetta offerto con mezzi “ibridi” da Lucar TM per chi parcheggiava al parcheggio di Via delle Tagliate della Croce Rossa Italiana, per le varie porte d’accesso alle Mura a partire dalle ore 19.00 fino alle ore 20.00.

 Inaugurazione evento con Autorità

 Apertura Ingressi

 Chiusura Ingressi

Spettacolo di benvenuto Oompa Loompa Animazione e Spettacolo e Atmosfera Danza di Ilenia Bizzarri, sulla canzone “Aggiungi un posto a Tavola” di Jonny Dorelli.

Spettacolo rilevamento Guinness World Records “LONGEST LINE OF TABLE”

 A seguire servizio cena

 Parata “torta monumentale” di buon compleanno Mura di Lucca

 Ringraziamenti e saluti

Gli omaggi ai commensali

 La Shopper di Ecol Studio

 “Tovaglietta” di Eurovast

 La fascia sigillo Arco Arredamenti

 Il librino ricordo

Immagine

 

50 Anniversario ora disponibile

La Storia del 50

L’anno 2014 rappresenta per il Buonamico un momento importante. L’anniversario dei 50 anni di storia della Cantina.

Per celebrare questo prestigioso traguardo qualche anno fa pensammo come poter rappresentare questo avvenimento tramite quello che sappiamo fare meglio: il vino.

Un vino che fosse qualcosa di diverso, unico e raro.

Alla fine di varie riflessioni, decidemmo che con la vendemmia del 2010 avremo iniziato a selezionare quelle che per noi erano le migliori barriques aziendali, quelle che da sole riuscivano ad esprimere al massimo le potenzialità che il territorio offriva per  quella specifica annata.

Il meglio della nostra produzione, che fosse una sola barrique oppure due o tre, non importava, ma che fosse unico e caratteristico si, per rappresentare al meglio il nostro faticoso ma affascinante lavoro.

Come primo vino per il nostro anniversario abbiamo appositamente selezionato le migliori 3 barriques della vendemmia 2010, tutte e 3 di sangiovese in purezza. 24 mesi di affinamento in piccole botti di rovere francese,  tostatura media, di secondo passaggio, per proseguire poi in vasche di cemento per altri 12 mesi prima di essere messo in bottiglia. Il 2010 è stata un’annata caratterizzata da un inverno lungo e rigido e da una  primavera con piogge e sostanzialmente fresca, un’estate contraddistinta da notevoli escursioni termiche, con un luglio caldo e soleggiato ed un agosto con poche piogge. I capricci del tempo delle inizio settembre ci hanno costretto a ritardare il raccolto e operare una certa selezione delle uve. Le ultime giornate di sole di settembre invece hanno invece permesso ai vitigni di ristabilire i gradi zuccherini e di riprendere la maturazione.  Un’annata sicuramente di scarica per quanto riguarda le quantità in generale ma con un buona qualità con punte di assoluta eccellenza.

888 bottiglie numerate per l’annata 2010, in confezione singola di legno.

Una bottiglia unica, rara, serigrafata a mano in oro zecchino con una grafica appositamente studiata da Simonetta Doni dello Studio Doni di Firenze. Quasi 2 kg di peso per una bottiglia da 0,750 che non ha niente da invidiare ad una Magnum. Un collarino completa il collo della bottiglia prima che la gomma lacca nera venga stesa creando un effetto di copertura  molto elegante e importante al tempo stesso.

La bottiglia sarà racchiusa in una cassetta di legno appositamente studiata, di nero laccata, con chiusura a scomparsa, stampe in oro a caldo. Un ulteriore confezione in cartone nera con scritte in oro è prevista per contenere la scatola in legno per preservarla durante il trasporto.

50 è il nome del vino, firmato Buonamico, che vuole segnare l’inizio delle celebrazioni per i 50 anni di storia della cantina. Si tratta appunto di un inizio,  poiché l’anno prossimo usciremo con il nuovo vino, il 51, perché per il Buonamico ogni anno sarà un anniversario, sempre caratterizzato della  nostra migliore produzione per ogni annata.

Caratteristiche Tecniche:

 

Nome del Vino:                                               50

Capacità:                                           bottiglia Bordolese Imperiale da 0,750 litri

Vitigni:                                               Sangiovese in purezza, 3 barriques

Alcool:                                                                14,5%

Vinificazione e

Affinamneto:                                   fermentazione in acciaio inox a temperatura controllata (max 28 °C) e successivi 20 giorni di macerazione sulle bucce. Fermentazione malolattica svolta in barriques di rovere francese di secondo passaggio, dove l’ affinamento prosegue per 24 mesi. Successivi 12 mesi di vasche di cemento. Affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi

 

 

Profumo e Gusto:                           Il 2010 si presenta con un colore rosso rubino intenso e profondo, all’ olfatto intense note di frutta rossa matura, si associano a sentori floreali e nuances di tabacco, cacao e spezie. Il Gusto è deciso, elegante ed avvolgente, sostenuto da una trama tannica fitta e setosa. Le sensazioni si prolungano in un finale lungo e persistente.

Prezzo di Acquisto: 60€

L’acquisto di almeno una bottiglia del 50 da diritto alla prelazione per l’acquisto del nuovo vino in uscita l’anno prossimo: l’edizione 51. Scegliendo i numeri ancora disponibili sarà quindi possibile mantenere lo stesso numero di bottiglia anche per le edizioni successive. Un modo per collezionare nel tempo tutte le edizione di questo vino unico.

Per prenotare la tua  bottiglia del 50 scrivici al seguente indirizzo: buonamico@buonamico.com

VISITATE IL NUOVISSIMO SITO:                           www.anniversariobuonamico.com

Astuccio 50_su bianco3

Bottiglia-50_fondo-trasparenteIMG_00001991

La Gazzetta di Lucca: Anteprima Vini

Enogastronomia : Chiusa la due giorni

Galizia, Colline di Sopra, Falaschi e i (In)soliti Lucchesi alle Anteprime

lunedì, 12 maggio 2014, 12:24

di Marco Bellentani

Si è chiusa Anteprima Vini della Costa Toscana, manifestazione che fa della ricerca della qualità il proprio vessillo. E’ proprio la capacità di offrire un carnet di produttori adepti alla Dea Qualità, il punto di forza della due giorni al Real Collegio. Certo casca dopo Terre di Toscana, dopo persino il Vinitaly, perciò l’anteprima è un po’ deja vu per l’operatore del settore, ma sicuramente la kermesse lucchese può dare più di uno spunto a chi lavora, chi degusta o a chi semplicemente visita.

E’ sicuramente anche l’occasione di incontrare alcuni amici, vedi il folletto Oste di Vigna Ilaria, impegnato a “disturbare” questo o quel produttore con battute, ma anche assaggi davvero speciali. Dopo una capatina a Tenute di Valgiano (tranquilli, nessun sentore ematico letto altrove nel loro vino di punta), è proprio il buon Maggi che ci mena alla sala dedicata ai vini di Galizia. La sala international di Anteprime, mai come quest’anno aveva espresso una primizia come quel vino galiziano sorto sulle sabbie del nord ovest della Spagna (dunque esente un tempo  dal problema fillossera), come l’ottimo, minerale, inebriante Moraima.

Altra capatina dal Melograno di Gabriele da Prato, già assaggiato al ViVit, un incrocio con Oliviero Toscani, star della prima giornata con tanto di nuovo OT e libro, e via verso nuove avventure. Sempre convincenti quelle di Eugenio Fontana, capace di offrire un ventaglio di vini con cui ricoprire il gusto locale e tentare l’assalto al mercato internazionale. Il suo Fortino sempre colmo di reminescenze di vaniglia, terziarietà dei Syrah napoleonici. Mitico il francesissimo vignaiolo di Pieve di Santo Stefano e il suo Ludovico Sardini, così pulito e importante da farci strappare più di un applauso. Nella zona food, spiccano le signore del Tizzone, i nostri amici della buona gelateria lucchese di Opera, il grande Falaschi, norcino (vero…verace come pochi) pisano 100% dedito alle virtù del maiale, lo Scoppolato di pedona. Un ultimo giro sulla giostra per conoscere la gentilezza signorile di Luisa Silvestrini, proprietaria e vignaiola on the ground di Colline di Sopra. Donna schietta, vivace, che ha saputo unire alla sua passione per il vino l’etica per un impatto ambientale minimo unito al rispetto per l’ecosistema e l’inserimento della sua attività nella natura circostante senza minimamente turbarla, a partire dai colori scelti per le infrastrutture. Ci sono piaciuti tanto i vini base, freschi, cristallini, colmi di frutta. L’Eola è a pronta presa, il blend di Merlot, Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Syrah fa grazie a Dio solo acciaio e si esprime così come si esprime la signora Luisa: un sorriso, un vento di schiettezza. Belle le sensazioni anche dall’altro vino d’acciaio vergine dal nome Larà, a tratti sorprendente in quanto mischia l’abito del vino da tutto pasto con i classici rimandi importanti del Syrah. Arriva dunque improvvisa la forza del Sangiovese 100%: Sopra. Rimane fresco, forse non ancora prontissimo con un tannino deciso. Buone, nelle salette delle annate non ancora uscite in commercio, le sensazioni sul Ramanto (cabernet franc e petiti verdot). Una piccola produzione senza puzza sotto il naso, in onore della natura che ci abbraccia. Da tener d’occhio.

Finale coi fratelli Svetlich di GiardiniRipadiVersilia, il loro rosso comincia ad esprimersi davvero con carattere. Il vino versiliese a Km 0 di Lamberto Tosi si apre a prospettive davvero interessanti. Arrivederci Anteprime_DSC0306

IMG_00001766

IMG_00001768